Imu cancellata: il governo ora punta a risolvere l’aumento Iva

enrico lettaLa cancellazione dell’Imu è alle spalle (ma il futuro prevede la nascita della Service Tax), e il governo starebbe già al lavoro per scongiurare l’aumento dell’Iva, previsto per il 1 ottobre.

Lavori che – sostengono i più – dovrebbero tuttavia concludersi con un nulla di fatto: difficile che dopo aver “abbuonato” agli italiani l’imposta municipale, il governo riesca a trovare le risorse utili per cancellare anche l’apprezzamento dell’aliquota dell’imposta sul valore aggiunto.

Ad ogni modo, dalle parti dell’esecutivo tutti (o quasi) sembrano essere molto soddisfatti. Tra le voci contrarie vi è certamente quella del viceministro all’economia, Stefano Fassina, che ha recentemente dichiarato che in una fase così difficile dedicare un miliardo di euro all’eliminazione dell’Imu per meno del 10 per cento degli immobili di maggior valore abbia sottratto risorse finanziarie preziose, e utili per rinviare l’aumento dell’Iva previsto per il prossimo 1 ottobre 2013, o ancora per allentare il patto di stabilità interno dei Comuni, rianimando così i numerosissimi cantieri e l’attività di tante pmi artigiane.

Tra gli scettici non c’è solamente una parte del ramo parlamentare e qualche esponente di spicco della “strana” maggioranza. A domandarsi cosa accadrà è anche l’Unione Europea, che ha chiesto rassicurazioni sulla possibilità che l’Italia possa assicurare la sostenibilità della finanza pubblica.

Il presidente del Consiglio, Enrico Letta, è intanto oggi tornato a parlare di quanto deliberato dal proprio governo, ricordando che le famiglie avranno una riduzione fiscale importante, e che dalla nuova service tax prevista per il 2014 ci sarà più equità di quanto dimostrato in passato, con una minore penalizzazione per le famiglie numerose rispetto a quanto avveniva fino ad oggi con l’imposta municipale unica.

Piuttosto dura la reazione di Mario Monti, secondo cui il premier Letta ha rassicurato la sopravvivenza del governo con una “resa” sull’Imu. “Non siamo condannati ad appoggiare il governo per sempre” – ha poi aggiunto a Rai news il leader di Scelta Civica.

Lascia un commento